Beethoven. Nascita e rinascita di Brera

Secondo il filosofo e compositore tedesco Theodor W. Adorno, l’opera di Beethoven contraddice l’idea che comunemente afferma il primato della filosofia sulla musica. Con Beethoven, infatti, la musica non genera soltanto riflessione, ma può anche dare origine a un sistema di pensiero più complesso.
In quest’ottica, le Sonate per pianoforte e violino arricchiscono il quinto dialogo proposto dal museo, Attorno al Settecento, Pompeo Batoni e Milano. Le note accompagnano il confronto tra la pala di Pompeo Batoni Madonna col Bambino e i Santi Giuseppe e Zaccaria, Elisabetta e Giovannino, proprietà della Pinacoteca di Brera, e altre opere dello stesso autore provenienti da collezioni e luoghi diversi della città.
 
 

CREDITI
 
Musiche
Ludwig van Beethoven
Sonata per pianoforte e violino n.2 in La maggiore Op.12 n.2 (1797/8)
Sonata per pianoforte e violino n.4 in La minore Op.23 (1801)
Sonata per pianoforte e violino n.10 in Sol maggiore Op.96 (1810) 

 
Eseguite da
Pavel Berman, violino
Clive Britton, pianoforte

Potrebbe interessarti anche

Schönberg – Vienna: gli inizi

Schönberg – Vienna: gli inizi

The Last Waltz

The Last Waltz

Schönberg e Vienna a Los Angeles: alla ricerca dell’autenticità

Schönberg e Vienna a Los Angeles: alla ricerca dell’autenticità

Brera/Musica a Tokyo

Brera/Musica a Tokyo

Guarda BreraPLUS a 1,25 €/mese
Scopri di più